CUORICINO

rivendico l’amore dato a cazzo*
e ogni tuo ossicino della mano
l’ortografia sbagliata e l’imbarazzo.
il non sapere bene cosa fare:
parolacce per rompere il ghiaccio?
un pranzo? un pacco? un messaggino?

ti sento remoto. cuoricino.
lontano e vicino. un terremoto
di troppe cose di cui non sai parlare.
un calamaro disastrato in mezzo al mare.
ti sento palpitare qui vicino
e intanto sprofondare nell’abisso

di troppe cose da dimenticare.

*verso rubato per troppa passione a una poesia di Valentina Diana, poeta, drammaturga e scrittrice che amo.